Diverso è chi non sa che uguale non esiste. Benvenuti Mates

Il progetto “Mates” (dall’inglese “compagno”) nasce da una semplice idea che vede due mondi, ad un primo impatto diversi, unirsi in uno solo in cui le uniche norme vigenti sono inclusione, felicitá e divertimento; il progetto si basa sullo sfruttare le proprie capacitá, sia dei “mates volontari” che dei ragazzi autistici che parteciperanno, in modo tale da riuscire a creare un ambiente inclusivo nel quale entrambe le parti avranno l’opportunità, il modo e il tempo per aiutarsi a vicenda così da imparare l’uno dall’altro e crescere insieme.

Il progetto è rivolto, quindi, ai ragazzi delle scuole superiori di secondo grado: si propone innanzitutto di formare e informare i ragazzi volontari riguardo lo spettro autistico e riguardo tutte le sue particolaritá, bisogni e attenzioni necessarie e ció avverrá non solo attraverso incontri con specialisti ma soprattutto grazie all’esperienza fornita.
Ogni mate volontario avrá l’occasione di lavorare con piú ragazzi, ciclicamente, di modo tale da conoscere piú a fondo la varietá di modi in cui l’autismo si presenta.
Affinché ogni mates si rapporti meglio con i ragazzi, durante le prime uscite saranno accompagnati da una persona qualificata (assistente domiciliare) che conosce con precisione i comportamenti, i bisogni e le necessitá del ragazzo in questione, cosí sia il volontario che il ragazzo saranno piú sereni e potranno avere piú tempo per capire come interagire tra di loro.
I compiti del volontario sono quindi quelli di comprendere un mondo, a lui sconosciuto, e di inserirvici piano piano ma tra i compiti piú importanti dei mates c’è sicuramente la divulgazione che avverrá tramite social network e con ogni dispositivo possibile.
Sono state scelte alcune attivitá sulla base delle capacitá dei volontari e dei ragazzi autistici che vanno da una semplice camminata in centro storico, allo sport, studio, cucina, musica e ballo e fino ad attivitá come andare a mangiare un gelato o un pezzo di pizza!
Ogni attività avrà inizio presso la sede dell’associazione Autismo Abruzzo Onlus, a Collemaggio, e si svolgerà poi in varie parti del centro storico dell’Aquila, raggiungibili tranquillamente a piedi; ad esempio un’attività come una passeggiata potrebbe prevedere un percorso accessibile a tutti e con brevi fermate di ristoro presso locali che verranno informati e fatti partecipi del progetto. L’idea quindi è quella di portare inclusione non solo nel mondo dei giovani di oggi ma anche nell’attualità, attraverso la divulgazione del progetto anche ai commercianti coinvolti in modo tale da creare uno spazio in cui chiunque possa accedervi e possa sentirsi a proprio agio.
Il progetto dunque è proiettato verso un futuro in cui il termine “inclusione” non sarà più astratto ma troverà una forma concreta, sebbene primordiale.

Francesco Gioia
i

Mi chiamo Francesco, ho 18 anni e frequento il Liceo classico. Fra i miei interessi sicuramente spicca quello per la pallavolo caratterizzato dalla passione e dalla voglia di conoscere il prossimo e mettermi sempre a sua disposizione.

Alice Agnelli
i

Mi chiamo Alice, ho 17 anni e frequento il Liceo Classico. Da sempre ho trovato interessante il mondo della moda e tutto ciò che lo circonda, spinta dal desiderio di creare connessioni in ogni ambito e di implementare la mia persona.

Marco Ianni
i

Mi chiamo Marco, ho 17 anni e frequento il Liceo classico. Mi dedico moltissimo allo sport, in particolare alle attività di corpo libero e questo mi ha dato l'opportunità di mettermi sempre in gioco e di crescere sotto un punto di vista anche introspettivo.

Elisa Andreassi
i

Mi chiamo Elisa, ho 17 anni e frequento il Liceo Classico. Sin da bambina sono entrata a far parte del grande mondo dello scoutismo, grazie al quale ho avuto la possibilità di avvicinarmi al volontariato e di rimanerne affascinata, facendolo diventare parte integrante della mia vita.

Letizia Verzulli
i

Mi chiamo Letizia, ho 18 anni e frequento il Liceo Classico. Sin da quando ero piccola sono stata sempre spinta verso il mondo dell’autismo, grazie a mia sorella Virginia; da lei ho imparato che non esiste normale e diverso e che ognuno può dimostrare e condividere il suo valore.

Alice Francesconi
i

Mi chiamo Alice, ho 17 anni e frequento il Liceo Classico. La mia più grande passione è la lingua inglese e penso che il progetto Mates possa essere un’opportunità per avvicinarci tutti a questa fantastica lingua integrandola nelle nostre normali attività.

ABBIAMO BISOGNO DEL TUO AIUTO

Basta pochissimo per aiutare la nostra associazione a continuare ad occuparsi delle persone autistiche e delle loro famiglie. Non graviamo e non vogliamo gravare sui bilanci familiari dei nostri associati assistiti perchè il vero aiuto è quello che si fa col cuore ed in modo solidale, ma per mantenere questo impegno abbiamo bisogno di te. Donaci forza, donaci il tuo sostegno, basta poco.

AIUTACI ADESSO

TI ASCOLTIAMO

I nostri volontari sono sempre disponibili ad ascoltare le esigenze e le denunce di chi convive con l'autismo e quotidianamente è costretto a scontrarsi con barriere culturali e burocratiche. Abbiamo creato un'apposita sezione per ascoltarti. Visitala.

PARLA CON NOI